Posted by Fitness Consulting on 2019-05-02 11:00:54

Molti imprenditori che decidono di investire tempo e denaro nelle palestre e nei centri fitness commettono l’errore di non pianificare e non approfondire azioni strategiche specifiche per promuovere l’attività. O, addirittura, sono convinti che non si possa ottenere maggior visibilità senza offrire sconti al cliente o potenziale tale. Per risultare davvero efficaci e permettere una crescita del fatturato, le azioni strategiche devono essere definite con largo anticipo, a seguito di un’analisi dettagliata. Di cosa si tratta? Fitness Consulting, in questo articolo, offre particolari spunti di riflessione per aiutarti a promuovere la tua palestra step by step!

Promuovere-la-palestra

#1 Il controllo di gestione

Per poter promuovere una palestra in modo efficace è necessario prima di tutto analizzarne l’andamento stagionale, nell’ottica di comprendere con largo anticipo quali sono i periodi che necessitano una maggior spinta. È in questo contesto che entra in gioco il controllo di gestione, lo strumento che consente un’analisi approfondita delle performance della palestra o del centro fitness.

Mediante specifici KPI è possibile individuare il numero di abbonamenti venduti di settimana in settimana e constatare quali sono i mesi di alta e bassa stagionalità del proprio centro. Al contrario di ciò che si pensa, ogni palestra ha una propria storia e un proprio target, che può anche rivelare abitudini del consumatore discordanti rispetto a quelle della concorrenza. È per questo che il monitoraggio è il primo step fondamentale per definire fin da subito in quali giorni attivare un’attività di promozione della palestra più intensiva. In questo senso, puoi approfondire l’argomento leggendo l’articolo “Stagionalità palestra: come anticipare i periodi di siccità”.

#2 L’analisi del contesto

Un’azione strategica non si rivela efficace solo in base al budget che si ha a disposizione, al contrario di quanto si possa pensare. Infatti, spendere decine di migliaia di euro in attività di marketing per le palestre che però non si rivelano congeniali al proprio target di riferimento, si dimostrerà un investimento completamente controproducente. È per questo che, prima di stabilire quali azioni intraprendere, è necessario studiare non solo l’andamento aziendale – per mezzo del controllo di gestione – ma anche il contesto esterno in cui la palestra è inserita.

In base all’area di appartenenza, una palestra può avere un bacino d’utenza più o meno ampio e, soprattutto, con caratteristiche diverse. Perciò, è necessario definire il proprio consumatore ideale e i suoi comportamenti per poter realizzare una strategia ad hoc per le sue esigenze. Inoltre, è imprescindibile studiare anche l’andamento e le azioni applicate dalla concorrenza, tenendo ben presente comunque che è fondamentale creare una propria identità strategica. Cosa significa? Molte aziende decidono di copiare le tattiche dei competitor: ciò può risultare negativo, in quanto non permette al consumatore finale di distinguere la propria palestra da quella della concorrenza. È per questo che, anche nel campo della promozione, la parola chiave è la “differenziazione”.

Aumenta il numero di iscritti con una strategia specifica per la tua palestra.  Prenota il tuo incontro gratuito con Massimo

#3 Il piano di marketing

Tutte le informazioni raccolte durante il controllo di gestione e, soprattutto, durante l’analisi del target di riferimento e della concorrenza vengono successivamente riassunte all’interno di un piano di marketing per la palestra. Si tratta di un documento nel quale vengono definiti la strategia, i canali e gli strumenti con cui applicarle, il periodo di riferimento e i responsabili di tale progetto.

Nello specifico, la strategia viene suddivisa in micro-azioni strategiche con obiettivi nel breve, nel medio e nel lungo periodo. Solo procedendo step by step, infatti, sarà possibile valutare l’efficacia della singola azione ed eventualmente modificare tempestivamente la propria strategia.

La pianificazione dev’essere fatta con largo anticipo: è impensabile, infatti, ottenere risultati concreti con una strategia dell’ultimo minuto. Per questo, in genere il piano di marketing è triennale e viene successivamente suddiviso in azioni strategiche di 6 mesi in 6 mesi.

#4 I canali e gli strumenti

Dopo aver stabilito la strategia da perseguire, è necessario approfondire anche i mezzi attraverso i quali questa verrà messa in pratica. Si tratta di uno step da non sottovalutare: anche se l’idea di base può essere straordinaria, si rivelerà inutile se verrà applicata in un “luogo” o attraverso uno “strumento” che il target di riferimento non utilizza.

Per citare un esempio, moltissimi titolari delle palestre ad oggi considerano fondamentale essere presenti attivamente sui Social Network. Queste piattaforme si addicono in particolare a chi si rivolge ad un target di riferimento giovanile, abituato a cercare aziende su Facebook e co., mentre si possono rivelare un fallimento se il proprio pubblico è adulto o, addirittura, anziano (per esempio, nel caso di attività di yoga o fitness over 60). Proprio per questo è essenziale aver studiato a monte le abitudini che caratterizzano il proprio bacino d’utenza, conoscendo con largo anticipo quali sono i canali da esso maggiormente sfruttati.

Inoltre, è necessario in questo caso essere attivi su molteplici canali comunicativi, evitando quindi di focalizzarsi su un unico mezzo per lanciare il proprio messaggio. La combinazione tra marketing online e offline in questi casi può portare ad una maggior visibilità.

Aumenta il numero di iscritti con una strategia specifica per la tua palestra.  Prenota il tuo incontro gratuito con Massimo

#5 Lo staff

Affinché tutti remino nella medesima direzione, è necessario che l’intero staff, sia commerciale sia tecnico (istruttori) sia a conoscenza del piano di marketing e della strategia da applicare. Solo conoscendo gli obiettivi da raggiungere e le modalità con cui farlo, sarà possibile avere a disposizione un personale formato, che si senta partecipe e divulghi agli attuali clienti il messaggio che si vuole lanciare.

Il coinvolgimento di tutte le aree interne alla palestra è fondamentale anche per creare coesione, spirito d’iniziativa nel proporre nuove ed interessanti idee e per far sì che ogni singolo elemento “sposi la maglia”: proprio come nel calcio, è fondamentale che il personale divenga una “bandiera” della palestra o del centro fitness per sentirsi effettivamente parte di una grande famiglia.

In conclusione...

In questo articolo abbiamo visto come promuovere la palestra in modo efficace: solo attraverso una pianificazione strategica che nasca da un’analisi approfondita è possibile raggiungere un maggior numero di potenziali clienti e aumentare così il proprio fatturato.

Per cominciare, quindi, è necessario analizzare l’andamento finanziario e commerciale della palestra, individuando i cosiddetti periodi “critici”. In secondo luogo, è fondamentale studiare il proprio target di riferimento e le mosse della concorrenza, evitando comunque di copiarle. A partire da queste prime informazioni, si arriverà poi alla stesura di un piano di marketing, che metta in luce la strategia e le micro-azioni da applicare per raggiungere risultati nel breve, medio e lungo periodo. La strategia verrà successivamente messa in pratica in più canali comunicativi ed esposta allo staff intero per creare coesione e coinvolgimento all’interno dell’azienda.

Desideri promuovere la tua palestra ma non sai quale potrebbe essere la strategia migliore? Prenota il tuo incontro gratuitoMassimo Fabbris e il resto del team di Fitness Consulting analizzeranno la tua attività e ti proporranno la strategia migliore per raggiungere risultati immediati.

New call-to-action

 

Topics: Blog

Vuoi raggiungere nuovi clienti per il tuo centro fitness? Contattaci!

massimo-fabbris
libro-aumenta-fatturato

Come aumentare il fatturato della tua palestra?

Attuare le migliori strategie e soluzioni, attirare nuovi clienti e massimizzare i profitti fin da subito

Scarica la guida